Home » 2023: l’anno del terremoto in NBA

2023: l’anno del terremoto in NBA

Con LeBron come free agent, la prossima campagna acquisti sarà una delle più movimentate della storia recente della NBA

di Fabrizio
lebron james 2023

Siamo in piena estate, nel bel mezzo del mercato NBA. Tuttavia, ci sono già molti che hanno gli occhi fissi sul prossimo anno in questo periodo . Un momento in cui le fondamenta del miglior campionato del mondo possono incrinarsi e persino rompersi, quando ci sono così tanti fronti aperti che tutto può succedere. In una Lega come quella americana, poliedrica e strutturalmente affidabile, tutto è possibile e, allo stesso tempo, niente lo è. Ma raramente una situazione del genere è stata affrontata, con così tanti potenti free agent disposti ad andare sul mercato e cambiare le regole del gioco .

LeBron James sarebbe stata la pietra angolare del prossimo mercato, che avrebbe affrontato a 38 anni.  La leggenda vivente del basket non ha data di pensionamento: nel 2018 ha firmato un contratto da 153,5 milioni in quattro stagioni e, nel 2020, una proroga di due anni a partire dal 2021 a quota 85,6. Il re riceverà più di 44 milioni nel 2022-23 prima di essere un free agent e non ha dato alcun indizio sul suo futuro. Ci sono molte fonti che indicano che LeBron è a suo agio a Los Angeles e vuole rimanere, ma la possibilità di tornare ai Cavaliers per godersi gli ultimi anni della sua carriera nella sua casa, l’Ohio, c’è.

Al momento, l’ambiente di LeBron non ha fornito indizi e il giocatore stesso potrebbe essere in attesa di vedere cosa succede in questa stagione per prendere una decisione. James ha già fatto trapelare di non volere Russell Westbrook in squadra e il suo sostituto preferito è Kyrie Irving , con il quale ha già condiviso una squadra nei Cavs. La dimensione sociale di LeBron a Cleveland è enorme, il suo impegno per la città in cui è nato è significativo ed è un eroe in un luogo che vuole il suo ritorno nonostante abbia un progetto giovane e promettente. In un modo o nell’altro, LeBron potrebbe essere idoneo per un nuovo contratto del valore di quasi $ 100 milioni in due stagioni., il tempo massimo che un giocatore di età pari o superiore a 38 anni può firmare secondo lo statuto della Lega.

Il problema dei Golden State Warriors

LeBron James non sarà l’unico sotto i riflettori nel 2023. Anche i Warriors hanno molto a cui pensare, poiché pagano un’enorme quantità di stipendio oltre il tetto salariale e saranno costretti a pagare quasi $ 350 milioni in questa stagione  in multe e salari. Se Jordan Poole, Andrew Wiggins e Draymond Green continuassero nel Golden State dal 2023, le multe ammonterebbero a 400 milioni, una cifra mai vista prima e che Bobby Marks ha difeso in uno spettacolare articolo su ESPN . Il problema è soprattutto Green, che ha un’opzione di 27,6 milioni. Secondo le regole della Lega, se un giocatore lascia l’ opzione giocatore e firma un nuovo contratto, lo stipendio da percepire nel primo anno del nuovo contratto deve essere almeno pari a quello che percepirebbe se non rifiutasse l’opzione giocatore. Vale a dire: un sacco di soldi .

I conti in questo caso sono semplici: se i Warriors decidessero di rinnovare l’intera rosa e allungare lo stipendio di Klay Thompson per altre tre stagioni, dovrebbero pagare 201 milioni di dollari di tassa sul lusso, che, insieme ai 200 milioni che dovranno pagare in stipendi, ci porterebbe a una cifra di 401 milioni di dollari di spesa . Un dato, lo ripetiamo, mai visto prima e che alcuni hanno criticato all’interno di una NBA che ha sempre la sua legione di detrattori e sostenitori quando emergono cifre del genere. Alla fine, i Warriors hanno costruito le basi della loro leggendaria squadra sin dal draft, indipendentemente dal fatto che siano diventati delle star e ora siano pagati come tali. E sono, ancora una volta, i campioni in carica della NBA. Tanto per cambiare. Anche squadre come i Clippers entreranno nella tassa sul lusso il prossimo anno. A loro si uniranno Celtics, Mavericks, Bucks, Sixers e Suns . Insieme ai Warriors, sono un totale di 11 squadre su 30 possibili, un numero che è stato anche più alto in altre stagioni.

Il futuro

La NBA e la Players Association hanno annunciato lo scorso gennaio la firma ufficiale del nuovo contratto collettivo. Questo accordo è entrato in vigore il 1° luglio e durerà sette stagioni (2023-24). Tuttavia, rischia di esserci un problema a lungo termine. In questo momento, e al di là delle prossime proroghe del contratto da rookie o dei super massimi che possono essere firmati o resi effettivi nel prossimo futuro, il 2023 sarà la grande estate che ci aspetta. La gente starà a guardare cosa succede poi con Kyrie, con Harden ; quale contratto può ottenere Westbrook e qual è il suo vero valore di mercato. E, soprattutto, cosa farà LeBron James. Una decisione che potrebbe segnare il futuro di entrambe le Conference, dei Lakers e dei Cavaliers. Tutti stanno aspettando. Vuoi sapere dove LeBron finirà la sua carriera? Per quanto il giocatore non abbia fissato una data per il suo addio e insista nel mostrarci che è eterno, molti si stanno chiedendo quando inizierà la sua parabola discendente.

LEGGI ANCHE: I Golden State Warriors sono Campioni NBA

Foto: Instagram

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento