Home » A rischio l’ATP di Montreal per Djokovic

A rischio l’ATP di Montreal per Djokovic

di Redazione EFBET News
djokovic us open

Il 2022 di Novak Djokovic era iniziato con la lunga querelle relativa al suo stato vaccinale per poter partecipare all’Australian Open, primo slam stagionale, al quale il serbo alla fine non prese parte.

La questione relativa al vaccino ha poi avuto conseguenze anche nei mesi successivi con Nole che non è entrato in tabellone nei tornei ATP statunitensi di Indian Wells e Miami, potendo invece giocare gli Internazionali di Roma, vinti in finale contro il greco Tsitsipas, e il Roland Garros, dove è uscito ai quarti di finale contro il futuro campione Nadal.

E se in un primo momento c’è stato il rischio di non vederlo neanche a Wimbledon sempre per le regole legate al vaccino, allarme rientrato con Djokovic che ha vinto il torneo per la quarta edizione consecutiva, nelle ultime ore sono arrivate le dichiarazioni del Ministro della Salute del Canada che ha sottolineato l’obbligatorietà dell’avvenuta vaccinazione per poter partecipare all’ATP 1000 di Montreal, manifestazione prevista a partire dal prossimo 5 agosto alla quale il tennista aveva deciso di partecipare.

Come evidenziato dallo stesso Ministro del Paese, nel quale vige la regola per gli stranieri dell’obbligo vaccinale per mettere piede sul territorio nazionale, non ci saranno deroghe speciali e, vista la fermezza del serbo su questo argomento, con molta probabilità non lo vedremo scendere in campo in Canada.

Una decisione che ricalca quanto stabilito per gli US Open, quarto e ultimo slam in calendario, che ad oggi escluderebbe il serbo anche dal cemento di Flushing Meadows per le stesse motivazioni.

La speranza per l’ormai ex numero uno al mondo è che prima dell’inizio dello Slam statunitense, previsto a partire dal 29 agosto, le regole siano cambiate, cercando così di conquistare il suo 22esimo titolo dei Big Four e raggiungere in vetta Rafa Nadal. A rischio anche l’Australian Open del 2023.

Staremo a vedere.

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento