Home » Ancora problemi DAZN: pronto l’indennizzo per gli abbonati delusi

Ancora problemi DAZN: pronto l’indennizzo per gli abbonati delusi

di Redazione EFBET News

La stagione 2021-22 della Serie A targata DAZN continua a dare problemi agli utenti abbonati al servizio di streaming. Nelle giornate precedenti molte erano state le critiche mosse all’emittente per i continui disservizi dovuti a ripetute disconnessioni, problemi di resa dell’immagine e impossibilità di vedere le partite.

L’apice è stato toccato nella giornata di ieri valevole per il quinto turno del massimo campionato italiano. Molti tifosi, infatti, non hanno potuto vedere un grande spezzone delle partite SampdoriaNapoli e TorinoLazio in onda entrambe alle 18 per via di un disservizio che ha causato l’oscuramento delle immagini video per ben 35 minuti della prima frazione di gioco, sostituite da uno schermo nero con il messaggio “errore 10000”, che sta diventando ormai una fastidiosa abitudine per gli utenti della piattaforma sportiva.

I vertici di DAZN si sono prontamente scusati per l’inconveniente dopo l’arrivo di numerose segnalazioni da parte degli abbonati, assicurando attraverso il rilascio di una nota ufficiale di indennizzare chi non ha potuto usufruire pienamente del servizio di streaming. Nella comunicato, si sottolinea che il risarcimento non sarà rivolto unicamente a chi ha segnalato all’assistenza tecnica il problema ma coinvolgerà un pubblico molto più ampio.

Nel frattempo è intervenuta anche la politica, con la nona commissione della Camera dei Deputati che ha richiesto garanzie a Dazn circa la corretta trasmissione della Serie A, rispettando le indicazioni dell’AGCOM per un servizio adeguato.

Il contratto che lega DAZN e la Serie A, trasmessa in esclusiva, eccezion fatta per tre partite a disposizione anche su SKY per ogni giornata di campionato, durerà fino al 2024. Per l’azienda con sede nel Regno Unito, l’obbligo di trovare soluzioni repentine per migliorare le trasmissioni, evitando ai tifosi quello che a tutti gli effetti sta diventando uno stillicidio.

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento