Home » Belenenses-Benfica interrotta “per Covid”

Belenenses-Benfica interrotta “per Covid”

di Redazione EFBET News

Dopo un periodo di relativa calma, il Covid torna a fare paura e l’Europa fa di nuovo i conti con l’aumento dei contagi. Al riguardo, anche nel calcio aumentano i casi di giocatori positivi che non possono quindi partecipare alle partite.

Emblematico il caso in Portogallo della Belenenses, squadra che milita nella serie A lusitana. Prima del derby di Lisbona contro il Benfica, infatti, il team ha dovuto fare a meno di 14 giocatori più tre membri dello staff tra cui l’allenatore. Tutti e 17 erano positivi al covid e in quarantena. Per questo la compagine è scesa in campo con solo 9 uomini a disposizione di cui 2 portieri e molti ragazzi provenienti dal settore giovanile, senza nessuna riserva a disposizione in panchina. Inevitabile il risultato già allo scadere della prima frazione di gioco: 7 a 0 a favore del Benfica.

Alla ripresa delle ostilità, la Belenenses ha deciso di non riscendere in campo salvo poi presentarsi in 7 al fischio di inizio del secondo tempo. Dopo pochi minuti, però, un calciatore ha dovuto abbandonare il rettangolo di gioco per infortunio, lasciando la squadra in 6. Secondo il regolamento, il numero minimo per poter continuare la partita è 7 calciatori e per questo motivo l’arbitro ha interrotto la partita decretando la fine di quella che in Portogallo è stata definita una farsa. Anche alcuni giocatori e i tifosi hanno commentato l’esito della gara con un laconico: “Vergognoso”.

Non si comprende perché, a fronte di tale emergenza sul numero dei calciatori indisponibili, la Lega portoghese non abbia optato per rimandare la partita.

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento