Home » Byron Moreno torna a parlare di Italia-Corea del Sud 2002

Byron Moreno torna a parlare di Italia-Corea del Sud 2002

di Redazione EFBET News
moreno

Sebbene siano passati ormai 20 anni, Italia-Corea del Sud, valevole per gli ottavi di finale dei Mondiali 2002 in Giappone e per l’appunto in Corea, fa ancora parlare e discutere, specie per la conduzione di gara dell’arbitro ecuadoriano Byron Moreno.

Se da una parte, infatti, sono innegabili le responsabilità della squadra all’epoca allenata da Giovanni Trapattoni, dall’altra non possiamo ignorare l’insufficiente operato del direttore di gara che, però, come dichiarato in un’intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport, contesta le critiche dandosi un bel 8,5 di voto per quella giornata.

Secondo Moreno, la partita incriminata rientrerebbe nelle sue tre migliori prestazioni di sempre durante la sua carriera di arbitro, tornando sugli episodi sui quali si è fatta maggiore polemica. Per quanto riguarda l’espulsione di Francesco Totti, ritiene giusta la doppia ammonizione, in quanto l’ex Roma avrebbe simulato dopo essere inciampato. Cosa confermata, secondo lui, dalle non proteste del numero 10 giallorosso.Sull’episodio del goal annullato a Damiano Tommasi per fuorigioco inesistente, Moreno addossa le colpe al guardalinee argentino che alzò la bandierina, dicendo di essersi fidato della decisione di quest’ultimo.

L’unico rammarico per l’arbitro sudamericano riguarda la mancata espulsione di un giocatore coreano, Sun-honHwang, colpevole di aver falciato Gianluca Zambrotta, uscito poi per infortunio.

Durante l’intervista, ha poi voluto ribadire la sua totale imparzialità durante la partita, negando di aver voluto favorire i padroni di casa della Corea del Sud, sottolineando di non essere stato radiato ma di aver deciso lui per il ritiro. Per quella gara, la FIFA aveva aperto su di lui un’indagine e nel dicembre 2002 fu dichiarato innocente.

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento