Home » Chi è Franco Agamenone: il doping, la lotta nei tornei minori e la svolta della carriera

Chi è Franco Agamenone: il doping, la lotta nei tornei minori e la svolta della carriera

di Fabrizio
franco agamenone tennis

Franco Agamenone ha eliminato Sebastián Báez negli ottavi di finale a Umago, in Croazia.

Sebastián Báez, uno dei migliori giocatori della stagione sui campi lenti – ha 21 vittorie ed è il terzo più vincente dell’anno su quella superficie –, è stato sorpreso all’esordio a Umago e ha perso con Franco Agamennone (29 anni, 136° in classifica) per 3-6, 6-1 e 7-5. Vittoria schiacciante contro il più famoso e quotato Cecchinato di ieri: 6-2 6-1.

Il giocatore è nato a Rio Cuarto in Argentina, ma per l’ATP, Agamenone è italiano. Come mai?

Nella ripresa del tennis dopo la pandemia non aveva più soldi. Una squalifica di dieci mesi per un controllo antidoping è stata anche inflitta quando è risultato positivo in un torneo di Pinamar. Quindi, a metà di quel 2020, aveva solo una manciata di partite interclub in Italia da collezionare. Ma ha scoperto che c’erano premi in denaro nel campionato nazionale del nostro paese anche se, per giocare, doveva prendere la nostra nazionalità. E lo fece, potendo evidentemente vantare un doppio passaporto per via di parentela.

franco agamenone

All’inizio dello scorso anno ha dovuto prendere un’altra decisione forte : ha lasciato la sua casa a Lecce e per quattro mesi si è stabilito al Cairo (Egitto) e Monastir (Tunisia) dove ha giocato nove tornei di M15, con solo 15mila dollari di montepremi i soldi. Gli è andata molto bene: ne ha vinte tre e ha raggiunto altre due finali. Ha aggiunto 10.134 dollari, che, con le tasse, sono scesi a circa 7.800 dollari. Fino a un anno fa ha giocato tornei M25 ma tra agosto e settembre ha vinto due sfidanti a Praga e Kiev. E cominciò a vedere la luce.

Agamenone è tifoso fanatico del River al punto da perseguitare le canzoni dei suoi tifosi su YouTube, tifoso al 100 per cento di calcio che legge frasi di Marcelo Bielsa e Marcelo Gallardo per motivarsi e strenuo difensore del consumo di yerba mate.

Stasera giocherà la partita più importante della carriera contro Sinner, uno di più forti tennisti del circuito e per l’appunto ” connazionale acquisito “. Cercando ancora di scalare un altro gradino, per fare un pizzico in più di sale ad una carriera iniziata troppo tardi.

Foto: Instagram

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento