Home » Gran Premio dell’Arabia Saudita: a solo due gare dal termine la partita è ancora apertissima

Gran Premio dell’Arabia Saudita: a solo due gare dal termine la partita è ancora apertissima

di Redazione EFBET News

Dopo una settimana di pausa, torna di scena la Formula Uno con il Gran Premio dell’Arabia Saudita, penultima tappa del Mondiale che si concluderà il 12 dicembre sul circuito di Yas Marina ad Abu Dhabi.

Domenica 5 dicembre per la prima volta nella storia si correrà in Arabia Saudita sul Jeddah Corniche Circuit, un circuito cittadino definito velocissimo. Secondo le simulazioni, infatti, la velocità media sarà superiore ai 250 chilometri orari.

A due Gran Premi dalla fine la classifica piloti ci racconta ancora un MaxVerstappen primo con un vantaggio di 8 punti rispetto all’unico rivale, il campione in carica Lewis Hamilton che, però, nelle ultime uscite ha ottenuto due primi posti, in Brasile e in Qatar, riuscendo a rosicchiare qualche punto all’olandese della Red Bull.

Mai come quest’anno la Formula Uno ci sta regalando e ci regalerà emozioni fino all’ultimo giro con i due piloti che lotteranno fino alla fine per il titolo iridato. Una sfida che si è spostata anche fuori dalla pista, con i vertici sia di Red Bull che di Mercedes che si sono accusati di manovre scorrette e addirittura di un presunto doping di Hamilton, come detto recentemente dal padre di Verstappen.

Anche a livello di classifica costruttori, la partita è ancora tutta da giocare con la Mercedes prima a 546.5 punti seguita neanche a dirlo dalla Red Bull a 541.5 punti, una distanza di soli 5 punti che di fatto non fa trapelare nessun favorito. La terza piazzaè stata invece archiviata con la Ferrari che ha ormai distaccato la McLaren.

Nel frattempo fioccano ulteriori polemiche provenienti proprio dal campione in carica Hamilton che ha dichiarato di non trovarsi a proprio agio a correre in un Paese che non riconosce diritti alla comunità LGBT+ e per questo indosserà un casco arcobaleno. Una questione già affrontata di recente in merito ai prossimi mondiali di Qatar 2022.

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento