Home » Hamilton: “Le mie peggiori paure si sono avverate”

Hamilton: “Le mie peggiori paure si sono avverate”

di Fabrizio
hamilton

Ammette di non sapere ancora come descrivere la sensazione dopo essere sceso dall’auto ad Abu Dhabi 2021.

L’ultima gara della scorsa stagione è stata una di quelle rimaste nella storia. Ad Abu Dhabi 2021 la Coppa del Mondo è stata decisa per Verstappen , ma con una decisione controversa dopo la partenza di una Safety Car che ha lasciato Hamilton praticamente senza opzioni per ottenere la vittoria … e Max in faccia per sorpassarlo e prendere e alzare il titolo mondiale.

Da allora, il pilota britannico ha più volte ammesso di ritenere che la decisione presa negli ultimi giri del Gran Premio non sia stata delle migliori. Ora, quasi otto mesi dopo, ci riflette di nuovo in un’intervista per ‘Vanity Fair’.

“Le mie peggiori paure hanno cominciato a prendere vita” , dice quando ha visto l’incidente di Latifi ed era vicino alla sua ottava Coppa del Mondo. Perché Hamilton era primo e Verstappen dietro… ma ancora lontano. Sembrava molto difficile che potesse raggiungerlo. Solo una specie di miracolo ha impedito agli inglesi di sognare.

“Ho pensato, non c’è modo di farmi ingannare. Non c’è modo. Non accadrà. Sicuramente no”, ammette a proposito dei momenti di tensione e ancora con la safety car in pista. Era a un passo dal diventare l’uomo con il maggior numero di titoli. Era, forse, uno dei più importanti per lui.

Ma alla fine non è stato lui a vincerlo. E la delusione si è semplicemente riversata su di lui. “Non so se riesco davvero a esprimere a parole la sensazione che ho provato”, confessa al suddetto medium su come si è sentito quando ha capito che doveva scendere dall’auto e presumere la sua sconfitta.

Ricorda anche che non aveva la forza per farlo. Non riusciva ancora a credere di aver finito la Coppa del Mondo quando l’ha sfiorata con la punta delle dita. “E’ stato uno dei momenti più difficili, direi, che ho vissuto da molto, molto tempo “, riflette Hamilton.

Sul tuo futuro

Lewis Hamilton ha 37 anni, quindi per molti le voci su un possibile ritiro sono praticamente inevitabili. In ogni caso , sembra ancora forte con la sua Mercedes , anche se non è più l’auto più veloce in pista.

“Sono ancora in missione, amo ancora guidare, mi piace ancora. Quindi non sento davvero di dover smettere presto “, anche rinfrancato dagli ultimi piazzamenti con la sua vettura, dopo un inizio di stagione molto problematico.

Suo padre è sempre stato una delle persone che ha monopolizzato il maggior numero di telecamere. Era lì anche ad Abu Dhabi, pronto a celebrare il titolo di suo figlio. Ma non era così. Lo ha semplicemente abbracciato dopo la sconfitta. “Mi ha abbracciato e penso che abbia detto: ‘Voglio che tu sappia quanto sono orgoglioso di te'”, confessa.

“Avere tuo padre che ti abbraccia in quel modo è una delle cose più profonde che abbia mai avuto…” ricorda Lewis. E aggiunge della sua infanzia difficile, che ha ancora più senso, “soprattutto perché in passato questo non è accaduto molte volte”.

LEGGI ANCHE:

Toto Wolff allunga la carriera di Lewis Hamilton in F1

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento