Home » Holger Rune batte Novak Djokovic nella finale del Parigi Bercy. E’ ricambio generazionale

Holger Rune batte Novak Djokovic nella finale del Parigi Bercy. E’ ricambio generazionale

di Fabrizio
Rune

Ora ci sono due adolescenti tra i primi 10 tennisti del mondo dopo che il 19enne danese Holger Rune ha battuto il favorito Novak Djokovic 3-6, 6-3, 7-5 vincendo il suo primo titolo Master a Parigi.

Rune, che ha battuto tra i primi 10 giocatori Hubert Hurkacz, Andrey Rublev, Carlos Alcaraz e Felix Auger-Aliassime in rotta verso la finale, passa dal 18° al 10° posto nella classifica ATP, facendo scendere Hurkacz all’11°.

Si unisce al 19enne numero uno del mondo e campione degli US Open Alcaraz come l’altro adolescente nella top 10, con nove dei primi 12 di età pari o inferiore a 25 anni.

Il 26enne russo Daniil Medvedev è ancora relativamente giovane al numero cinque del mondo, mentre il secondo classificato Rafael Nadal e il numero otto del mondo Djokovic, rispettivamente a 36 e 35 anni, aumentano significativamente l’età media dei primi 10.

“Non sono contento che tu mi abbia battuto, ma d’altra parte sono felice per te, perché mi piace la tua personalità. Sei un ragazzo molto dedicato che ama il tennis”, ha detto Djokovic a Rune alla celebrazionedel trofeo a Parigi.

“Hai dedicato molte ore di duro lavoro, ti sta ripagando e il tuo futuro è luminoso”.

Immagine composita di un giovane Holger Rune che incontra Novak Djokovic e loro due dopo la finale del Paris Masters nel 2022.
Holger Rune è passato dall’idolatrare Novak Djokovic da bambino, a batterlo in una finale del Master a soli 19 anni. AP: Twitter/Tennis TV )

Rune ha abbassato lo sguardo  quando il sei volte campione di Parigi Djokovic ha prodotto un set di apertura quasi impeccabile, con il serbo praticamente inarrestabile alla sua prima di servizio mentre il diciannovenne ha lottato con errori non forzati.

Ma la situazione si è ribaltata nel secondo set, quando Rune ha subito tolto il servizio al serbo e ha preso fiducia da quello per reagire bene sotto pressione, usando il suo servizio e il suo rovescio a due mani con buoni risultati.

Nell’ultimo set, Djokovic è andato in vantaggio per 3-1 ma Rune si è subito ripreso, con il serbo che ha chiamato un fisio durante un cambio per controllare la sua coscia prima che il danese pareggiasse il set sul 3-3.

Dopo aver vinto un break, salendo 6-5, Rune ha servito per il titolo, ma Djokovic ha messo in campo una difesa risoluta mentre la dodicesima partita si è protratta per più di 17 minuti, con la folla che si è alzata in piedi molte volte per applaudire alcune avvincenti scambi.

Ma Rune ha trovato una riserva di energia per salvare sei break point prima di sigillare la vittoria quando Djokovic ha mandato a rete il match point ed è caduto a terra con grande sollievo misto a gioia.

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento