Home » Il Canada batte l’Italia in semifinale, l’Australia in finale e vince la Coppa Davis per la prima volta

Il Canada batte l’Italia in semifinale, l’Australia in finale e vince la Coppa Davis per la prima volta

di Redazione EFBET News
davis cup coppa davis canada

La Coppa Davis è chiamata come il “Campionato mondiale di tennis”. E domenica a Malaga, in Spagna, il Canada ha sconfitto l’Australia e l’ha vinta.

La squadra che non avrebbe nemmeno dovuto partecipare alle finali ha sollevato l’iconico trofeo per la prima volta dalla sua prima partecipazione nel lontano 1913.

Dopo essere stato travolto 4-0 dall’Olanda in uno spareggio di qualificazione a marzo – i migliori giocatori Félix Auger-Aliassime e Denis Shapovalov avevano entrambi deciso di saltare – il Canada ha ottenuto il passaggio con un ripescaggio, (in quanto il paese con il punteggio più alto eliminato) alle fasi finali dell’evento quando il campione in carica Russia è stato espulso dal torneo in seguito all’invasione dell’Ucraina da parte del paese.

Con una seconda possibilità, i canadesi hanno superato le fasi eliminatorie di settembre a Valencia per raggiungere gli otto finali questa settimana a Malagá.

Giovedì hanno sconfitto la Germania nei quarti di finale, l’Italia nella semifinale di sabato e domenica hanno battuto l’Australia nei loro due incontri di singolare conquistando il titolo.

“Che modo di finire l’anno. È la Coppa Davis e noi siamo i campioni, i campioni del mondo”, ha detto Vasek Pospisil, il veterano del gruppo.

Il capitano Frank Dancevic, che ha preso parte alla Coppa Davis per 14 anni come giocatore, ha promesso che la festa sarebbe durata tutta la notte, fino al volo delle 6 di lunedì.

I giovani sostituti Alexis Galarneau e Gabriel Diallo, che indubbiamente avranno la loro parte da svolgere negli anni a venire, sono entrati nella conferenza stampa post-torneo ma sono riusciti a malapena a pronunciare qualche parola.

Il loro sostegno incrollabile e molto vocale da bordo campo, insieme a un grande marasma di giocatori, allenatori e personale di supporto di Tennis Canada, ha reso il tutto un vero lavoro di squadra.

“Abbiamo affrontato molti ostacoli questa settimana. Abbiamo perso molte partite, ma avevamo il morale alto e abbiamo continuato a lottare fino alla fine, e ora siamo qui con il trofeo. È solo una sensazione incredibile”, ha detto Dancevic.

Shapovalov, che è stato provato fisicamente sabato dopo una sconfitta di tre ore e 15 minuti contro il nostro Sonego è uscito come un uomo nuovo nella partita di apertura contro l’Australia. Ha sconfitto facilmente un Thanasi Kokkinakis dall’approccio nervoso 6-2, 6-4.

E poi, per aggiudicarsi il secondo singolare – e la Coppa – Auger-Aliassime è stato altrettanto impressionante eliminando il n. 1 australiano Alex de Minaur 6-3, 6-4.

La sua prestazione durante la settimana – in particolare l’ingresso assieme  a Shapovalov nel doppio contro la squadra italiana sabato, per dare al Canada l’opportunità di giocare la finale di domenica – è stata impeccabile.

Gli uomini canadesi si sono distinti nelle competizioni a squadre negli ultimi anni, a cominciare dalla loro corsa a sorpresa verso la finale della prima Coppa Davis “nuovo formato” nel 2019. Sono stati sconfitti dalla squadra spagnola molto più esperta in quel caso.

Ma allora Auger-Aliassime aveva solo 19 anni; Shapovalov appena 20.

Lo scorso gennaio in Australia, il Canada ha vinto l’ATP Cup, una nuova competizione a squadre con un formato simile che ha visto la partecipazione di un numero ancora maggiore di giocatori tra i migliori al mondo.

E domenica ha vinto il premio finale, con la Davis. La Coppa Davis esiste dal 1900. E nonostante i recenti cambiamenti fondamentali che, secondo molti, hanno trasformato l’evento in una pallida ombra del suo precedente io iconico, rimane il premio più importante per un evento tennistico a squadre.

Auger-Aliassime non si è impegnato per i turni finali preliminari a settembre fino a dopo un’eliminazione anticipata a sorpresa agli US Open un paio di settimane prima. Ma alla fine ha portato il Canada alla qualificazione, senza la quale la domenica non sarebbe mai stata possibile.

Lui e Pospisil hanno dovuto farcela senza Shapovalov, che non ha giocato.

Pospisil, 32 anni e un decennio più vecchio delle giovani stelle della squadra, ha sempre risposto alla chiamata del suo paese. E in alcune occasioni prima della loro ascesa alla ribalta, ha praticamente sollevato l’intera squadra sulle spalle e l’ha portata alla vittoria.

Non c’è da meravigliarsi che sia stato di gran lunga il più emozionato nella giornata della finale.

“Nel corso degli anni ci siamo lentamente avvicinati sempre di più all’ottenimento del titolo. Nel 2013 abbiamo fatto un po’ di corsa e siamo arrivati ​​in semifinale. Poi siamo stati nel girone mondiale per un po’ e abbiamo raggiunto le finali nel 2019″, ha detto Pospisil. “È difficile da spiegare, ma (all’inizio) della settimana sembrava già che avremmo vinto. Proprio una specie di questa sensazione che ho avuto. Forse ce l’avevano anche alcuni degli altri ragazzi.»

Il ritorno di Shapovalov all’ovile per le fasi finali ha permesso a Pospisil di concentrarsi sul doppio e ha regalato al Canada due top-25 giocatori di singolare. E il Canada ha sfruttato appieno le squadre a cui mancavano elementi chiave.

La Germania non aveva la medaglia d’oro olimpica Alexander Zverev, assente per infortunio da giugno.

All’Italia mancavano i suoi due migliori singolisti: Jannik Sinner e Matteo Berrettini.

E in particolare, Nick Kyrgios non era in formazione per l’Australia. È il giocatore con il punteggio più alto di quel paese sia in singolo che in doppio.

Allo stesso modo il Canada vantava uno dei migliori uno-due come giocatori di singolare dell’evento. Ma il potenziale è una cosa; senza le prestazioni in campo a confermarlo, è solo una teoria.

Domenica 27 novembre 2022, il Canada lo ha confermato per diventare finalmente Campione del Mondo vincendo la prima Coppa Davis della sua storia.

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento