Home » Il nuovo CEO della SuperLeague rilancia: lancio nel 2024-25

Il nuovo CEO della SuperLeague rilancia: lancio nel 2024-25

di Fabrizio
agnelli super league

La Super League sta lentamente prendendo forma . Un progetto che sembrava morto e sepolto risorge dalla tomba e pronto a crescere fino a diventare una realtà palpabile.  La rivista spagnola MARCA ha rivelato ieri in esclusiva la “firma” di Bernd Reichart come nuovo CEO.

Ora Reichart ha rilasciato un’intervista al Financial Times e alla Reuters in cui ha svelato maggiori dettagli sul progetto, osando anche fissare una data di inizio per questo nuovo concorso promosso da Florentino Pérez, Andrea Agnelli e Joan Laporta.

“I presidenti di Real Madrid, FC Barcelona e Juventus hanno recentemente espresso le loro opinioni sui problemi che affliggono lo sport. Penso che stiano ponendo le domande giuste e personalmente mi piacerebbe sentire molte voci diverse affinché la comunità calcistica europea possa insieme trovare le risposte giuste “, sono state le sue prime parole ieri.

Ora, in questa intervista, alla domanda sulla data di inizio della competizione, Reichart ha abbandonato la stagione in cui poteva iniziare. “Iniziare nel 2024-25? È ragionevole, sono ottimista…” , afferma l’ex CEO di RTL Deutschland Group. Questa stagione sarà anche l’ inizio della “nuova Champions League”, con notevoli cambiamenti apportati dalla UEFA.

Dialogo con la UEFA?

“Non vogliamo lavorare contro nessuno, vogliamo lavorare per il calcio “, sottolinea Bernd Reichart alla domanda su tutto il conflitto generato con la UEFA. Certo, il nuovo amministratore delegato rivela che sta cercando di evitare gli errori del primo tentativo di ‘uscita’ dalla Super League: “Il dialogo è stato trascurato”.

Reichart suggerisce inoltre un incontro con il presidente UEFA Aleksander Ceferin il prima possibile. “Da parte mia assicuro un dialogo aperto e trasparente”, ha affermato, sottolineando anche l’importanza di non perdere i giovani amanti del calcio e valorizzando la nuova Champions League che la UEFA presenterà nel 2024. Reichart ritiene che la strada sia sbagliata. “Ci sono grandi partite e un buon calcio… dagli ottavi” , spiega a Reuters .

Un formato aperto

Il nuovo ceo della Super League ha parlato anche di una delle questioni più controverse da quando il progetto è stato annunciato lo scorso anno: il tipo di format che permetterebbe l’ingresso di squadre che non facevano parte del gruppo dei fondatori.

“Credo in un dialogo attivo ed esteso per creare un modello sportivo sostenibile per il calcio europeo. Vogliamo raggiungere le parti interessate nella comunità calcistica europea e ampliare questa visione. Anche i tifosi proveranno molta simpatia per l’idea. È una lavagna in bianco. Il formato non sarà mai un ostacolo. C’è una rivalutazione del progetto. C’è una mossa chiaramente dichiarata verso un formato aperto e l’adesione permanente fuori dal tavolo. Vogliamo vedere se c’è o meno una più ampia consenso sulle questioni che deve affrontare il calcio europeo”, ha spiegato.

LEGGI ANCHE:

SuperLega: la decisione della UEFA per i club “ribelli”

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento