Home » Inter-Roma: la polemica per la designazione arbitrale

Inter-Roma: la polemica per la designazione arbitrale

di Redazione EFBET News
arbitro

Il big match della 34esima giornata di Serie A tra Inter e Roma è iniziato ancora prima di scendere in campo. La partita di San Siro, prevista domani alle 18, è stata infatti contornata da polemiche inerenti la designazione arbitrale, affidata a Simone Sozza.

Il 34enne della sezione di Seregno, comune italiano della provincia di Monza e Brianza, è considerato uno dei migliori giovani arbitri in circolazione, motivo per cui il designatore Rocchi l’abbia selezionato per una sfida decisiva sia in chiave Scudetto, per gli uomini di Inzaghi, sia per il piazzamento europeo, per i giallorossi di Mourinho.

A scatenare la polemica è stata l’origine di Sozza, nato a Milano ma residente per l’appunto nella località brianzola che dista soli 25 chilometri dal capoluogo lombardo. Una vicenda che ha fatto insorgere i tifosi romanisti sui social e sulle radio capitoline, ma anche i milanisti che hanno messo in dubbio l’imparzialità del suo operato. Al riguardo, però, in molti hanno sottolineato che Sozza ha condotto anche la gara tra Milan e Lazio valevole per i quarti di finale di Coppa Italia, terminata con il risultato di 4 a 0 per i ragazzi di Pioli.

Secondo la normativa vigente, Sozza può regolarmente arbitrare una squadra di Milano, essendo iscritto per l’appunto alla sezione di Seregno, che gli impedisce per esempio di condurre le gare del Monza in Serie B. Non è infatti il luogo di nascita a limitare le possibili scelte ma il comune di residenza e la sezione di appartenenza, motivo per cui altri direttori di gara, come Doveri, Mariani o Valeri non potranno arbitrare le partite della Roma e della Lazio, mentre lo potrebbero fare Pasqua e Marinelli che risiedono a Tivoli, comune vicinissimo alla Capitale.

Come fa notare la Gazzetta dello Sport, tale divieto è abbastanza paradossale in quanto, a questo punto, bisognerebbe considerare anche gli “incroci” con altri arbitri in talune partite, come il napoletano Maresca che dovrebbe essere escluso dalle sfide scudetto in cui gioca l’Inter o il Milan, e via dicendo.

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento