Home » Ipotesi obbligo vaccinale per il calciatori di Serie A

Ipotesi obbligo vaccinale per il calciatori di Serie A

di Redazione EFBET News

La questione vaccini coinvolge anche il calcio e i giocatori di Serie A, ora che la pandemia da Covid 19 è tornata a fare paura con i contagi in risalita e l’occupazione delle Terapie Intensive. Una questione che non riguarda solo il massimo campionato ma anche le altre leghe professionistiche.

Secondo il Presidente della FIGC, Gabriele Gravina, ad oggi i giocatori che non si sono sottoposti al vaccino rappresentano il 5% del totale, sottolineando che tra questi c’è chi non può avere il Green Pass, essendosi vaccinato con un vaccino non riconosciuto dal nostro Paese. Per adesso le intenzioni del massimo organo calcistico italiano sono relative a iniziative di sensibilizzazione che devono essere portate avanti dalla Lega e dall’associazione calciatori per abbassare ulteriormente la percentuale di non vaccinati, attraverso un’opera di convincimento.

Nel caso in cui la situazione dovesse sfuggire dal controllo, Gravina si è detto pronto a fare richiesta formale al Governo per imporre l’obbligo di vaccinazione per tutti i calciatori professionisti, per evitare di fare un passo indietro rispetto ai sacrifici fatti in questi quasi due anni di pandemia.

La questione non riguarda unicamente l’Italia, ovviamente. Nel resto d’Europa, stante anche una situazione più allarmante relativamente ai contagi, sono già stati messe in atto alcune misure drastiche: la Nazionale tedesca non convocherà più i calciatori non vaccinati mentre il Bayern Monaco decurterà lo stipendio a coloro che non hanno ricevuto il vaccino e sono risultati positivi, come accaduto a JoshuaKimmich.Come il jolly tedesco, anche altri atleti di discipline diverse hanno palesato la loro contrarietà all’obbligo vaccinale, su tutti il tennista Djokovic e il giocatore NBA Kyrie Irving.

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento