Home » Ipotesi Stadio solo per i vaccinati e guariti

Ipotesi Stadio solo per i vaccinati e guariti

di Redazione EFBET News

Dopo un periodo in cui la situazione pandemica in Italia sembrava essere sotto controllo, con la possibilità di allargare la capienza degli Stadi dal 75% al 100%, il Governo fa un passo indietro e ipotizza una stretta sugli ingressi negli impianti sportivi.

Al no alla capienza massima, auspicata da Valentina Vezzali che ha rivisto in seguito le sue posizioni, per la sfida all’Olimpico tra Italia e Svizzera terminata 1 a 1, si aggiunge la possibilità nei prossimi giorni di consentire l’accesso allo Stadio solo per le persone completamente vaccinate o guarite da non più di sei mesi, escludendo quindi coloro che hanno ottenuto il Green Pass dopo un tampone negativo, come sta accadendo ora.

La decisione verrà presa, esaminando l’andamento della pandemia nel nostro paese, tenendo conto dell’RT nazionale. Se il monitoraggio del Ministero dovesse rilevare un trend negativo in questo senso, si verificherà un cambiamento di regole per quel che riguarda il settore svago, quindi musei, cinema, teatri, bar, ristoranti e ovviamente anche le manifestazioni sportive.

Al riguardo è intervenuto anche il dottor Matteo Bassetti, direttore del reparto Malattie Infettive dell’ospedale San Giacomo di Genova. Secondo quest’ultimo, con l’eventuale decisione del Governo di far entrare allo Stadio solo persone che hanno avuto la doppia dose di vaccino o le guarite si può auspicare l’allargamento della capienza al 100%. Sulla situazione attuale che prevede il 75% di riempimento, ha sottolineato che tale misura può avere una sua efficacia nel caso in cui gli ingressi siano distribuiti in tutti i settori degli impianti, cosa che non accade, essendo i tifosi per lo più ammassati solo in determinati spicchi delle tribune.

Anche il calcio, quindi, torna a fare i conti con il Covid, dopo un periodo in cui si pensava fossimo tornati a un clima di semi normalità.

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento