Home » Italia e Spagna, due mondi distanti anni luce nel nuoto

Italia e Spagna, due mondi distanti anni luce nel nuoto

di Redazione EFBET News
italia nuoto 2022

L’Italia , che ha gareggiato in casa a Roma, ha migliorato la sua miglior prestazione ed ha chiuso con il suo bilancio migliore di sempre con 52 medaglie totali, mentre la  partecipazione spagnola si è conclusa senza medaglia, per la prima volta dal 2006. Rappresentano due realtà completamente opposte, separate dal Mediterraneo occidentale.

risultati dell’Italia, già un successo ai Mondiali , si basano su una tradizione, strutture e metodologie che non hanno avuto lo stesso sviluppo in Spagna. “I nuotatori ne conoscono le origini, la storia. Tutti sanno chi erano Giorgio Lamberti o Stefano Battistelli o Federica Pellegrini”, sottolinea il nome di famosi atleti italiani , María Peláez, campionessa europea dei 200 farfalla nel 1997 . In una fase della sua carriera si è allenata al centro federale di Verona, con il prestigioso allenatore Alberto Castagnetti, oggi scomparso.

La scarsa prestazione dei migliori nuotatori spagnoli solo un mese e mezzo fa ai Mondiali non prevedeva nulla di molto diverso da quanto visto a Roma. Alcuni sono riusciti ad alzare i toni, come Paula Otero, doppia finalista e quarta nei 1.500 liberi, o Carlos Garach, sesto nella stessa prova. Si è unito anche Joan Lluis Pons , assente a Budapest, e ora quinto nei 400 metri misti.

Un’altra differenza fondamentale tra Italia e Spagna è quella che ha a che fare con il supporto al nuotatore. In Italia diffidiamo di chi passa per gli Stati Uniti in cerca di una formazione accademica e professionale utile per il futuro. “La cosa più importante è che gli atleti entrino a far parte dell’esercito, della marina, della finanza, della forestale o delle forze di polizia.

Vengono reclutati dall’età di 16 anni e a 18 fanno gli esami di ammissione. Fanno un mese di allenamento all’anno e possono studiare mentre fanno altre carriere. Quando vanno in pensione sportiva, sulla trentina, possono continuare in quei corpi o lavorare su ciò che hanno studiato. Questo dà all’atleta molta tranquillità”, afferma Peláez.

Tutti questi ingredienti, e altri come la ricchezza antropometrica – infatti non pochi dei suoi nuotatori maschi superano 1,90 o sfiorano i due metri – consentono di ottenere risultati che alimentano un elevato volume di praticanti. “Il loro livello medio è molto migliore che in Spagna, hanno un gran numero di praticanti ed è difficile batterli in questo modo”, dice Peláez, che nonostante un contrasto così netto, è ottimista sul futuro del nuoto spagnolo. “Devi credere nel progetto che è in corso e dargli tempo”, dice.

FOTO: Instagram

 

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento