Home » La Juve si conferma prima della sosta e abbatte la Lazio in casa: 3-0

La Juve si conferma prima della sosta e abbatte la Lazio in casa: 3-0

di Fabrizio
juve lazio milik kean

La Juventus ha battuto 3-0 la Lazio nell’ultima partita dell’anno.

Una doppietta di Moise Kean ha ispirato un meritato 3-0 per la Juventus contro l’ex allenatore Maurizio Sarri all’Allianz Stadium. Ma cosa abbiamo imparato dall’ultima partita di Serie A del 2022?

Rabiot ha battuto Milinkovic-Savic

Il nazionale serbo non ha avuto la sua giornata migliore in ufficio ed è stato annullato da Adrien Rabiot . Sarri aveva affermato prima della partita che la supremazia in mezzo campo sarebbe stata determinante per ottenere un risultato, ma la Juventus ha vinto la maggior parte dei duelli a centrocampo, con entrambi i gol provenienti da un recupero palla al centro. Né Juventus né Lazio hanno mosso velocemente la palla ma la Vecchia Signora è riuscita più volte a recuperare palla in mezzo, giocando in verticale per far male ai biancocelesti. Milinkovic-Savic è stato sostituito nella ripresa ed è stato applaudito dai tifosi bianconeri che sperano di vederlo indossare la maglia bianconera la prossima stagione.

La Lazio manca di imprevedibilità

La Lazio ha faticato a trovare un passaggio nella tre quarti e le sono mancati molto i  fuoriclasse in attacco, Ciro Immobile e Mattia Zaccagni , le loro principali fonti di gol in attacco. Sarri ha iniziato  con il 17enne Luka Romero dopo che l’argentino aveva segnato il gol della vittoria nella partita casalinga di giovedì con il Monza. È una prospettiva eccitante ma ha lottato per far fronte all’esperienza della difesa della Juventus ed è sempre stato un passo indietro Danilo o Bremer . Felipe Anderson ha giocato da falso 9 ma non ha mai creato problemi ai bianconeri.

Juventus solida senza Bonucci

Non è una novità, considerando che la Vecchia Signora ha la difesa meno sconfitta del campionato e non ha subito gol nelle ultime sei gare di Serie A. L’incontro con la Lazio conferma però che i bianconeri non hanno più bisogno del loro capitano Leonardo Bonucci per avere solidità in difesa. Il nazionale italiano non aveva giocato contro l’ Inter la scorsa settimana ed è stato nuovamente retrocesso in panchina stasera. Gleison Bremer ha messo a segno un’altra grande prestazione giocando nel mezzo di una difesa a tre, completata dal sempre affidabile Danilo e Federico Gatti . Bonucci ha ancora un ruolo chiave in squadra e nello spogliatoio, ma non è più uno degli ‘intoccabili’ di Allegri ( sempre che lo sia mai stato ).

Superiorità bianconera

Moise Kean – L’uomo della partita. La sua doppietta ha ispirato la vittoria della Juventus, ma il nazionale italiano ha offerto molto di più. Non ha sprecato il possesso palla ed è sempre stato in grado di allungare la difesa della Lazio quando portava palla o con le ultime rifiniture. Allegri aveva affermato che Kean sarebbe stato una chiave tattica cruciale contro gli uomini di Sarri’e e alla fine ha avuto ragione.

Adrien Rabiot – Il centrocampista francese in questo momento è nella forma della sua vita. Come accennato in precedenza, ha annullato Milinkovic-Savic e gli ha persino rubato palla dai piedi, fornendo l’assist per la rete di apertura di Kean nel primo tempo. Complessivamente il miglior centrocampista della Juventus nella prima parte di stagione.

Manuel Locatelli – Le sue prestazioni continuano a migliorare. Il nazionale italiano ha aggiunto qualità e quantità al centrocampo della Juventus contro la Lazio. Sapeva sempre cosa fare con la palla ai suoi piedi ed è stato determinante per il secondo gol della Juventus.

 

photo credit: Shutterstock

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento