Home » La polvere isotonica di Djokovic ai quarti contro Sinner

La polvere isotonica di Djokovic ai quarti contro Sinner

di Fabrizio
djokovic

Sono passati ormai due giorni dai quarti di finale di Wimbledon che hanno visto protagonista il nostro Jannik Sinner contro Novak Djokovic, con la rimonta del serbo che ha ribaltato il momentaneo 2 a 0 in favore dell’azzurro, andando poi a vincere per 3 a 2, conquistando la semifinale contro Norrie.

Durante la sfida, hanno destato curiosità le riprese delle telecamere durante una pausa tra un game e un altro. Nelle immagini si vede Djokovic seduto sulla sua panchina con in mano un bottiglietta di plastica con all’interno una strana polvere bianca. L’ex numero uno, dopo essersi consultato con il suo team nell’angolo riservato, chiedendo delucidazioni su quanto assumere il suo contenuto, ha aperto la bottiglietta in questione e invece di bere ha inalato la polvere.

Come riportato dal quotidiano inglese The Telegraph, si tratterebbe di polvere isotonica, una sostanza legale molto utilizzata tra gli sportivi professionisti e non. Questo integratore può avere benefici a livello di idratazione, essendo composto da elettroliti e carboidrati a rapido assorbimento e vengono assunti non solo per recuperare dopo un allenamento o una gara ma anche durante le competizioni per dare al proprio fisico energia in più e migliorare le performance, compensando la perdita di liquidi e sali minerali. Da qui spiegato il gesto di Djokovic in un match estenuante durato oltre 3 ore e mezza.

Le soluzioni isotoniche possono essere anche sotto forma di bevanda, e tra i gli sportivi più famosi che ne fanno largo uso troviamo Cristiano Ronaldo che spesso durante le sessioni di allenamento si avvale di queste sostanze per reintegrarsi.

Nel frattempo si è completato il tabellone delle semifinali, con Djokovic che affronterà Norrie e Rafa Nadal che dovrà vedersela con l’australiano Nick Kyrgios nella giornata di venerdì 8 luglio. Vedremo se Nole si affiderà di nuovo a questo metodo.

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento