Home » La Premier vuole rivoluzionare il rapporto calciatori-arbitri

La Premier vuole rivoluzionare il rapporto calciatori-arbitri

di Redazione EFBET News

La dicotomia calciatore-arbitro esiste da quando il pallone ha cominciato a rotolare dentro al rettangolo verde. Un rapporto sempre sul filo del rasoio che ha visto nel tempo anche episodi di scontro sfociati in autentica violenza da ambo le parti.

Per questo, nel corso degli anni, si è cercato di porre un freno alle continue contestazioni, provando a rendere i due soggetti in causa, se non amici, per lo meno, “avversari” che si rispettano.

L’ultima proposta arriva dall’Inghilterra, precisamente dai vertici della Premier League. Durante la pausa per le Nazionali, infatti, il commissario collegiale di quello che viene definito il campionato più bello al mondo ha organizzato una riunione con gli allenatori dei club per discutere su alcuni argomenti, quali la VAR, i guardialinee e i tempi di recupero.

A mergine dell’incontro, come rivelato dal quotidiano Daily Mail, l’attuale tecnico del Manchester United, Ralf Rangnick ,da sempre profilo legato all’innovazione nel calcio, al fine di migliorare il rapporto tra giocatori e direttori di gara, ha ipotizzato che quest’ultimi, a partire dalla prossima stagione, possano allenarsi insieme alle rose delle squadre nei rispettivi centri sportivi, così da costruire una relazione trasparente e onesta tra le parti. La soluzione dell’allenatore dei RedDevilssembra essere stata accolta favorevolmente da molti suoi colleghi, e verrà valutata dal PGMOL, l’organo arbitrale della Premier.

Secondo alcuni, però, da questa proposta scaturirebbe il dubbio che alcuni arbitri possano legare troppo con i calciatori, compromettendone il giudizio durante le partite.

Si attendono quindi nuovi sviluppi e, in caso di esito positivo, le mosse conseguenti degli altri campionati europei e mondiali.

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento