Home » Lo stato di salute di Novak Djokovic

Lo stato di salute di Novak Djokovic

di Redazione EFBET News
djokovic

Il 2022 di Novak Djokovic per ora rappresenta un anno da dimenticare. Tralasciando l’infinita questione sulla sua mancata partecipazione agli Australian Open per la vicenda della vaccinazione, che ad oggi gli ha permesso di entrare in tabellone solo in tre tornei, vale a dire a Dubai, Montecarlo e Belgrado, il fenomeno serbo non sembra essere nelle migliori condizioni fisiche che, infatti, non gli hanno consentito di mettere mano su nessuno dei trofei per i quali competeva.

In particolare la finale dell’ATP 250 Serbia Open, dove da padrone di casa si è dovuto arrendere in finale contro il russo Rublev che ha vinto grazie al risultato perentorio di 3 set a zero, con l’ultima frazione terminata addirittura con il punteggio di 6 game a zero.

Come da lui stesso affermato, infatti, Djokovic soffrirebbe di problemi di salute, non specificati, che non lo lasciano stare ormai da tempo e che si erano presentati anche a Monaco durante i sedicesimi di finale perso contro lo spagnolo DavidovichFokina: “Non voglio dare maggiori dettagli, ma è qualcosa che condiziona il mio metabolismo. È preoccupante avere quella sensazione in campo. E’ stato simile a quello che stavo provando a Montecarlo”. A Belgrado, infatti, ha utilizzato più volte degli asciugamani freddi durante le pause tra un game e un altro. Ma non riesce a darsi una spiegazione che lo soddisfa: ha aggiunto, infatti, di non aver cambiato metodo di allenamento e di continuare a portare avanti gli stessi programmi che ha sempre sostenuto.

Secondo lui le cause sono ricercabili in un malessere che ha avuto di recente e queste sensazioni rappresentano gli strascichi che, però, sempre rispetto alle sue parole, non hanno nulla a che vedere con il Covid e il Long Covid.

Si attendono nuovi sviluppi, nel frattempo per lui una buona notizia: potrà infatti partecipare a Wimbledon, non essendo necessario l’obbligo vaccinale.Per lo slam sull’erba, invece, resta ancora valido il ban per i tennisti russi e bielorussi.

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento