Home » Lorenzo Sonego conquista il suo terzo titolo a Metz

Lorenzo Sonego conquista il suo terzo titolo a Metz

L'italiano ha battuto nella finale francese il controverso kazako Alexander Bublik

di Fabrizio
sonego vince metz

L’italiano Lorenzo Sonego ha vinto il suo terzo titolo nel circuito professionistico all’ATP 250 di Metz, in Francia, su cemento e indoor, battendo in finale il kazako Alexander Bublik 7-6 (3) e 6-2, dopo 86 minuti di gioco.

Sonego, 27 anni e 65 in classifica ATP, aveva vinto i tornei di Antalya nel 2019 e il Cagliari lo scorso anno, ha giocato la sua quinta finale ATP in carriera e tornerà tra i primi 50 con il traguardo.

Nel suo torneo a Metz, il campione italiano non ha perso set e ha superato due semi. Al suo debutto ha eliminato il russo Aslan Karatsev. In semifinale ha battuto il polacco Hubert Hurkacz, 10° al mondo e campione in carica nel 2021. Ha anche battuto il francese Gilles Simon, tre volte campione di questo torneo, e l’americano Sebastian Korda.
Bublik, dal canto suo, ha un solo titolo ATP, vinto in questa stagione a Montpellier, in Francia, nonostante abbia già giocato la sua settima finale. Il 25enne kazako è attualmente classificato al 44° posto e in questa stagione guadagnerà tre posizioni in classifica.

La partita

Dopo un primo set equilibrato, in cui Sonego ha avuto un set point sul 5-4, ma si aggiuicato la prima frazione al tiebreak. Il secondo set è stato in gran parte dominato dall’italiano, che non ha affrontato più break point e ha subito solo sei punti nelle partite di servizio, infliggendo anche due break all’avversario.

Bublik è stato fischiato

Quando Sonego era in vantaggio, Bublik è stato fischiato dai fan francesi. Durante uno scambio a rete, ha cercato di definire un punto con il manico della sua racchetta, atteggiamento criticato dai tifosi che hanno seguito la finale. Sonego è rimasto concentrato fino alla fine della partita e ha preso la vittoria con un margine migliore.

LEGGI ANCHE:

Torneo Eastbourne: fuori Sinner e Sonego. Giorgi in semifinale

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento