Home » Moto GP Aragon: Marq Marquez torna e la Honda prepara la rivoluzione

Moto GP Aragon: Marq Marquez torna e la Honda prepara la rivoluzione

di Redazione EFBET News
marquez

 Cambiamenti”, “nuova gestione”, “un altro concetto”… Questi sono i termini che si sentono più spesso nel box della Repsol Honda ad Aragon. Ed è che una nuova rivoluzione è in corso per tornare al posto dei vincitori. Ne hanno già fatto uno, di cambiamento radicale, dal 2021 a questa stagione, ma sono andati anche peggio. HRC è già in preseason 2023, perchè ne ha estremo bisogno.

In Austria, durante la sua visita, Marc Márquez aveva già chiesto di conoscere il progetto 2023. Lì gli è stato promesso un altro modo di lavorare, un’altra comunicazione con la fabbrica e, indirettamente, una ‘europeizzazione’. Al ritorno alla competizione, ha scoperto che sono necessarie profonde variazioni.

“Vedi come vanno le altre moto e dobbiamo lavorare. Non solo io nel mio fisico, ma la Honda deve continuare a lavorare perché ci sono due marchi sopra gli altri. Loro sono consapevoli, oggi ai box hanno lavorato in un modo corretto “Siamo in una situazione che non cambia da un weekend all’altro. Domani inizierò a provare cose importanti, anche se non conosco la strategia migliore per cercare un buon risultato. Sono tornato a prepararmi per il 2023. Ciò significa sacrificare altre cose”.

Sin dai test invernali, Marquez lamentava che questa moto del 2022 ‘andava contro di lui’. HRC lo sa e cercherà di esaltare i suoi punti di forza: fiducia nell’avantreno, più sterzate, più facile fargli cambiare direzione… Cosa che, in parte, ha avuto con la 2021, con la quale ha vinto tre gare “con un braccio e mezzo”, come disse Miller. ”

Quello dell’anno scorso è stato più naturale per il mio stile di guida, ma più lento . Questo è più innaturale per il mio stile di guida. Abbiamo alcuni problemi. Nel conteggio globale delle gare si vede che, sebbene siamo lontani dalla testa, stiamo andando più veloce dell’anno scorso.

Il messaggio è stato afferrato dagli ingegneri. “In inverno pensavamo di stare più o meno bene. La prima gara, in Qatar, con Pol, è andata bene, ma poi… dai risultati si vede che le cose sono iniziate ad andare sempre peggio. I motivi sono diversi. Stiamo analizzando molte cose per poter essere dove vogliamo essere. Nei test di Misano abbiamo provato cose piuttosto interessanti, soprattutto con Pol, che è andato molto bene ad inizio anno e non tanto in gara. Test che confrontiamo per vedere cosa è cambiato. Pensiamo di aver trovato qualcosa. Ora siamo sulla strada per dove vogliamo essere “, ha affermato Takeo Yokoyama , direttore tecnico della Honda.

Proprio la posizione del giapponese è in discussione per l’arrivo, diverse gare fa, di Shinishi Kokubo , suo ex mentore, ideatore delle 800 e 1.000 e passato poi in Moto3 e Superbike. Il “maestro” è sempre più necessario oggi perché HRC ha bisogno di esplorare nuove idee. La prima delle quali pare essere il nuovo forcellone in alluminio che ha portato Marquez all’ottavo posto nella prima giornata di prove libere.

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento