Home » MotoGp: l’analisi e i favoriti del Gran Premio di Spagna

MotoGp: l’analisi e i favoriti del Gran Premio di Spagna

di Redazione EFBET News
jerez

Dopo il Gran Premio di Portogallo, sul circuito di Portimao, che ha visto il primo successo stagionale del campione del mondo in carica Fabio Quartararo su Yamaha, scende di nuovo in pista la MotoGp a Jerez per il Gran Premio di Spagna, sesto appuntamento del Mondiale a due ruote.

In terra iberica, domenica primo maggio alle ore 14 i piloti si daranno battaglia su un circuito ricco di curve e senza un rettilineo lungo, caratteristiche che sembrano essere dalla parte della Yamaha di Quartararo, che dopo un avvio un po’ in sordina, occupa oggi la prima posizione della classifica generale con 69 punti insieme allo spagnolo della Suzuki Alex Rins. Oltre al francese, tra i favoriti c’è proprio l’iberico, insieme al suo connazionale e compagno di squadra Joan Mir che vuole riscattarsi dopo la deludente prova nel precedente Gran Premio lusitano.

Il giro più veloce in gara appartiene sempre a Quartararo, che non a caso ha ottenuto anche le sue prime due vittorie in carriera in MotoGp proprio sul circuito di Jerez.

Capitolo Ducati: Enea Bastianini, quarto in classifica piloti con un distacco di otto punti dalla prima posizione, vuole dimenticare la caduta in Portogallo, mentre Pecco Bagnaia e Jack Miller sono ancora alla ricerca della prima vittoria per il team ufficiale della Scuderia di Borgo Panigale. A Portimao, l’italiano, secondo nel mondiale dello scorso anno, è arrivato ottavo, complice la partenza in ultima posizione dopo l’incidente durante le qualifiche. A Jerez, ancora con i problemi alla spalla destra conseguenti la precedente caduta, stringerà i denti cercando di ottenere il massimo. Miller, vincitore dell’edizione 2021, proprio davanti a Bagnaia, sogna il bis per raccogliere punti, rispetto all’unico finora ottenuto.

Fari puntati anche su AleixEspargarò della Aprilia, terzo a soli 3 punti dalla vetta, protagonisti lui e la moto di un avvio davvero sorprendentein questa stagione, ma con un futuro contrattuale ancora tutto da definire.

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento