Home » Rodman: “Molte persone pensavano che sarebbe morto a 40 anni”

Rodman: “Molte persone pensavano che sarebbe morto a 40 anni”

di Redazione EFBET News
rodman

Non lascia mai nessuno indifferente. Non lo ha fatto durante il suo periodo glorioso da giocatore, né lo fa ora, lontano dal basket. Nello specifico, nel sud della Florida, dove gode di una vita meno intensa, ma mai lenta. Dennis Rodman è sempre stato un giocatore speciale. Sicuramente una delle figure che ha avuto più capacità di trascendere nella storia della NBA. Sia sportivo che extra sportivo. Icona pop, estremamente mediatica e nel palmares sportivo notevole con cinque anelli di campionato, due All Star, otto volte nei quintetti All Defensive due volte Defensive Player of the Year .. . “C’è stato un tempo in cui ero più famoso di Michael Jordan”, è venuto a dire. A 60 anni continua a farlo. Ogni volta che parla per i media, spuntano i titoli dei giornali.

Questa volta era proprio in relazione alla sua età . “Sono sorpreso che sia ancora qui (dal vivo)” , dice in un commento a WSVN 7News , affiliata televisiva Fox e con sede a Miami. “Molte persone pensavano che sarei morto a 40, 45, 50, 55 anni, ho compiuto 60 anni e ho detto: ‘Wow, sono ancora qui'”, continua, concludendo come solo lui sa: “Qualcuno ha un una mano sulla spalla e dice che ho molta strada da fare per realizzare qualcosa dedicato alle persone di tutto il mondo . 

Durante il suo periodo da giocatore, il suo ritmo di vita era veloce. Uno dei migliori esempi, e uno dei più ricordati, è la sua fuga a Las Vegas nel bel mezzo delle finali del 1997, dopo che i Chicago Bulls persero gara 4 contro gli Utah Jazz. Il giorno dopo, e come in tante altre occasioni, Rodman si stava allenando con la squadra per prima cosa al mattino, dopo aver dormito a malapena. Con tutto questo, lo stesso Jordan, che avrebbe recitato nel suo mitico Flu Game nel prossimo round della serie, era stata una di quelle voci che, ora, Dennis fa notare nelle sue parole. “In tutta onestà, giocando con lui e vedendo lo stile di vita che aveva, non avrei mai pensato che avrebbe visto i 40”, dichiara MJ nel documentario di ESPN sul suo ex compagno di squadra. In esso, inoltre, assicura che la capacità di Rodman di fare festa e poi “correre come una gazzella” lo ha sorpreso; ma anche questo lo preoccupava.

Questo è stato uno dei tanti documenti audiovisivi e scritti che la vita di Rodman ha lasciato. E quelli che restano. In The Last Dance, senza andare oltre, ha avuto anche una presenza di spicco. Nella serie dedicata a Jordan è apparso in tutto il suo splendore. Spiegando come aveva perfezionato l’arte del rimbalzo, di cui sedeva in poltrona, ma anche alcune delle sue scene più ricordate fuori dalle piste. Ed è che, fino ad oggi, Rodman e Michael continuano a mantenere la relazione. “Michael è su Giove in questo momento. Ha il suo campo da golf! Non mi ha ancora invitato, ma vedo Michael di tanto in tanto. È ancora Michael”, spiega a WSVN 7News.

Ai Bulls, insieme a Jordan, Dennis ha vinto tre dei suoi cinque anelli. I restanti due furono ottenuti nei Detroit Pistons, facenti parte dei Bad Boys. Quelle erano le sue squadre con i San Antonio Spurs e i Los Angeles Lakers, ma, come sempre accade, i rumors lo mettevano in più. Tra questi, i Miami Heat. Pat Riley è passato dall’assicurare che Rodman fosse la cosa più ridicola che avesse visto su una pista a riflettere sul suo trasferimento, anche se alla fine non è successo. “Pat Riley è troppo figo. Molte squadre mi hanno amato nel 1999 perché avevo ancora un po’ di benzina nel serbatoio. Pat era troppo orgoglioso. Ha troppo orgoglio. C’erano persone che erano molto peggio di me.Sono un vincitore, fratello. Sono stato un vincitore per molto tempo. Mi sono guadagnato quel posto, quindi vorrei aver premuto il grilletto “, confessa alla televisione della Florida. Cose del passato. Ora, anche se sta “facendo i miei allenamenti e tutto il resto”, si sente “pieno di energia e io sono come ‘Wow.'” Come la sua carriera.

foto: JASON LEE – REUTERS

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento