Home » Stadi semivuoti, la prima giornata di Serie A è stata un mezzo flop

Stadi semivuoti, la prima giornata di Serie A è stata un mezzo flop

di Redazione EFBET News
stadi semivuoti poco pubblico

La paura del Covid, le nuove direttive anti contagio per entrare negli impianti sportivi e per assistere alle partite (che hanno anche rallentato l’afflusso allo stadio per via delle enormi file agli ingressi), il periodo agostano più consono alle ferie, a una gita al mare o in montagna, che al rito dello stadio e il costo dei biglietti. Sono alcune motivazioni che probabilmente hanno dissuaso gli appassionati di calcio dal recarsi negli stadi per la prima giornata di campionato.

Il numero di spettatori presenti non ha certamente soddisfatto le attese degli organizzatori. Gli impianti potevano ospitare un massimo del 50% della capienza, ma più di 60 mila biglietti sono rimasti invenduti, secondo Repubblica quasi il 40% di quelli acquistabili. Il ritorno alle porte aperte non ha generato entusiasmo tra quei tifosi che per ora preferiscono attendere qualche settimana prima di tornare alle vecchie abitudini.

I numeri sono abbastanza impietosi se si prova ad analizzarli negli stadi principali dove si sono giocate le prime partite della massima divisione. A San Siro sono mancati all’appello circa ottomila spettatori per arrivare al 50% del consentito, mentre all’Olimpico i seggiolini vuoti sono stati cinquemila. Ancor più marcati gli spazi vuoti a Napoli e a Torino sponda granata dove diecimila spettatori hanno disertato le partite. 178.550 spettatori è il totale che gli stadi italiani avrebbero potuto ospitare, ma solo 113.665 tifosi si sono presentati allo stadio. L’Olimpico di Roma e la Dacia Arena di Udine sono stati gli impianti più pieni in proporzione.

L’altro aspetto da tenere in considerazione riguarda il costo dei biglietti, diventato per molti un fattore troppo limitante in un periodo in cui molte categorie stanno subendo gli effetti di una crisi economica di enorme portata. L’Udinese ha messo in vendita le curve a 60 euro, i distinti a 110, la tribuna laterale a 105 euro e la tribuna centrale a 140 mentre l’Hellas Verona il settore ospiti a 40 euro. Cifre che inducono inevitabilmente il tifoso a farsi due conti in tasca…

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento