Home » Taylor Fritz, la vittoria a Tokyo dopo una settimana pazzesca: “Non me l’aspettavo”

Taylor Fritz, la vittoria a Tokyo dopo una settimana pazzesca: “Non me l’aspettavo”

di Fabrizio
taylor fritz

A Tokyo Taylor Fritz vince il derby made in USA. Nella finale del Rakuten Open, il numero uno statunitense ha sconfitto in due set Frances Tiafoe: i due tiebreak, entrambi nettamente persi dal nuovo numero 17 del mondo, sono stati fatali per il numero due statunitense.

Con questo risultato Fritz saluta Tokyo con numeri per lui molto positivi. Vince, in primis, il primo titolo stagionale nei 500, dopo aver conquistato l’ATP 250 a Eastbourne e soprattutto il Masters 1000 a Indian Wells.

I punti scaturiti dalla vittoria di Tokyo gli regalano anche un nuovo miglior ranking: per la prima volta in carriera, entra nella top ten mondiale. Punti fondamentali anche dal punto di vista delle Finals: con i 500 conquistati in Giappone, ha ottenuto il settimo posto per Torino, nonché l’ultimo a disposizione dopo la qualificazione di Djokovic.

“È stato pazzesco, tutto quello che è successo negli ultimi quattro o cinque giorni è successo tutto così in fretta. – ha detto Taylor Fritz subito dopo il match – È pazzesco e non potevo aspettarmi di meglio.

È esattamente quello che mi serviva per il mio tennis, per la mia classifica, per ottenere una buona posizione per la fine dell’anno, quindi è fantastico”. “Mi sentivo estremamente calmo e lucido sulle decisioni da prendere in campo.

Per una partita così importante in una finale, era importante non essere nervosi e non rimanere bloccati, ma sentirsi molto rilassati “, ha detto il nuovo vincitore di Tokyo.

Il torneo di Taylor Fritz non è stato affatto semplice: è arrivato un giorno prima dell’inizio della competizione, le sue condizioni fisiche non erano delle migliori, considerando che aveva appena superato i sintomi del Covid.

“Sono venuto qui fiducioso di poter vincere un round o due e poi vedere come va. – ha dichiarato il numero degli States – Il punto interrogativo sulla mia permanenza nel torneo sono state le prime due partite: se le avessi superate quelle due avrei ritrovato il mio tennis e avrei continuato.

Ma onestamente avevo molta fiducia nelle due vittorie. È davvero pazzesco che sia passato dall’essere messo in quarantena, dover volare qui e poi vincere il torneo. È sicuramente qualcosa che non mi aspettavo”.

LEGGI ANCHE:

Laver Cup 2022: l’ultima di Re Roger è imperdibile

Photo credit: Shutterstock

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento