Home » Wayne Rooney rischia una squalifica a 16 anni di distanza

Wayne Rooney rischia una squalifica a 16 anni di distanza

di Redazione EFBET News
rooney

La cronaca del calcio inglese ha messo sotto i riflettori la recente intervista di Wayne Rooney rilasciata a Sky Sports. L’ex attaccante di Everton e Manchester United, oggi tecnico del Derby County, ha dichiarato di aver intenzionalmente cercato di far infortunare i giocatori del Chelsea, quando ancora indossava la maglia dei RedDevils.

L’episodio risale al 2006, anno in cui i Blues erano in procinto di vincere la Premier League. Prima della sfida contro gli attuali campioni d’Europa in carica, Rooney ha ammesso di aver volutamente cambiato i tacchetti di plastica degli scarpini, sostituendoli con quelli con la punta di metallo, e di aver cercato con insistenza interventi rischiosi per l’incolumità dei suoi avversari. Ad avere la peggio fu il capitano del Chelsea, John Terry che, a seguito di un tackle proprio dell’ex attaccante, fu costretto a lasciare il campo con le stampelle, a causa di una ferita al piede.

Il suo comportamento sarebbe riconducibile alla suo risentimento sulla ormai scontata vittoria del campionato da parte del club londinese, che in caso di successo contro il Manchester United, avrebbe concluso matematicamente la corsa trionfale. Ma le sue parole potrebbero ritorcersi contro anche a distanza di 16 anni.

A seguito dell’intervista, infatti, la Football Association ha chiesto chiarimenti al giocatore che ora potrebbe rischiare una squalifica, in linea con quanto accadde a Roy Keane che venne sanzionato con uno stop di 5 giornate dopo la pubblicazione della sua autobiografia nella quale aveva confessato di aver volontariamente causato l’infortunio, con un intervento terribile che ricordiamo tutti, a Inge Haaland, il papà del fenomeno del Borussia Dortmund.

Si attende quindi una decisione da parte della Federazione.

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento