Home » Wimbledon: Sinner batte Alcaraz e vola ai quarti di finale

Wimbledon: Sinner batte Alcaraz e vola ai quarti di finale

di Fabrizio
sinner

L’inizio di Wimbledon, terzo slam stagionale, era iniziato con una bruttissima notizia per i colori azzurri: il numero uno del tennis italiano Matteo Berrettini aveva dovuto dire addio ai Championships ancor prima di scendere in campo a causa della positività al Covid dopo aver effettuato un tampone per precauzione. Tutte le speranze erano quindi rivolte a Jannik Sinner che, però, dopo l’infortunio patito al Roland Garros, era stato eliminato dal torneo di Eastbourne nella gara d’esordio.

Ma il tennista altoatesino, grazie anche alla nuova figura del supercoach ricoperta da Darren Cahill, è arrivato in questo torneo con una forma fisica e mentale invidiabile che gli ha consentito di mettere in mostra i suoi migliori colpi anche su una superficie che negli scorsi anni non sembrava per lui la più congeniale.

Dopo aver eliminato nei sessantaquattresimi di finale lo svizzero Wawrinka per 3 set a 1 e nei trentaduesimi di finale lo svedese Ymer con lo stesso risultato, Sinner ha affrontato nei sedicesimi il gigante statunitense Isner, senza perdere neanche un set.

Agli ottavi ad attenderlo c’era l’ormai non più sorprendente Carlos Alcaraz, fenomeno iberico destinato a diventare tra i migliori al mondo nell’imminente futuro. In una sfida tra due che sicuramente faranno la storia della racchetta, Jannik è rimasto sempre concentrato, portandosi a casa i primi due set con il risultato di 6-1.6-4. Nella terza frazione di gioco con due match point a disposizione l’italiano ha dovuto subire la parziale risalita di Alcaraz che al tiebreak ha accorciato le distanze, senza impedirgli però di portarsi a casa il match grazie al 6-3 del quarto e decisivo set e conquistare per la prima volta in carriera i quarti di finale del torneo britannico, dopo quelli raggiunti nel Roland Garros e Australian Open.

Ad attenderlo ci sarà colui che nelle ultime tre stagioni ha sempre vinto lo slam sull’erba, vale a dire Novak Djokovic che ha superato senza grandi problemi l’olandese Tim Van Rijthoven.

Appuntamento quindi a domani, martedì 5 luglio, alle ore 14.30, per sognare un’altra impresa.

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento